+ 1 786-223-2270

max@maxmlekus.com

I giochi di prestigio eseguiti dai vari ministri delle finanze di tali nazioni ne hanno solo procrastinato l'agonia.
Siamo arrivati al capolinea. La credibilita' dell'euro e' stata gia' messa in discussione dalla piu' grande economia planetaria, la Cina, la quale preferisce sostenere il debito statunitense acquistandone certificati del tesoro in dollari.
Ricorderete il cambio valuta di alcuni anni fa, quando si acquistava un euro con 0.89 centesimi di dollaro........
Ebbene, si arrivera' al capolinea di questa epopea economica europea, entro la fine del 2016, con un cambio alla pari, 1 Euro/1 Dollaro. L'economia statunitense ha goduto per parecchi anni di una forte esportazione favorita appunto dalla debolezza del dollaro. 
Ha bisogno ora di ricominciare a rifornirsi di macchinari e materiali speciali, di alta tecnologia tedesca e francese. Avra' bisogno di un dollaro piu' forte.
E' ora di speculare su prestiti come quello gigante fatto alla Fiat dal governo canadese e statunitense. Cio' ha permesso alla Chrysler di sopravvivere, convincendo qualche sprovveduto investitore a farsi carico di un prestito assai complicato da restituire. 

In conclusione, il consiglio che vi do e' quello di avvantaggiarvi finche' siete in tempo, della temporanea ed artificiosa "debolezza" del dollaro ed assicurare un rifugio ai vostri risparmi. 
In un momento storico in cui gli immobili di pregio statunitensi hanno raggiunto il livello piu' basso, e la valuta europea ha raggiunto i livelli piu' alti, non esiste rifugio migliore dei propri risparmi di un immobile negli USA. 
E quale parte degli USA offre maggiori garanzie se non la Florida? la riviera di una nazione di 300 milioni di abitanti, dove il sole splende tutto l'anno e la popolarita' turistica a livello globale  facilita la liquidita' pressocche' immediata del proprio investimento.
Oggi avete un risparmio di 100 mila Euro, ebbene avete disponibili circa 140 mila Dollari che hanno un potere d'acquisto, in una bella zona di Miami, di un confortevole appartamento. 
Ebbene, entro la fine dell'anno, il vostro risparmio di 100 mila Euro, sara' equivalente a soli 100 mila Dollari, con una perdita netta di circa 40 mila Dollari, riducendo quindi la scelta dell'investimento immobiliare. 

Questo sara' il vero ARMAGEDDON dei vostri risparmi

Mercato Immobiliare a Miami

Ma come si sa Marchionne e' canadese di nascita e statunitense di formazione. Ovvio che non sia uno sprovveduto e quindi facile immaginare da che parte stia. 
Ma nel bel paese si vende la vicenda come una conquista economica!!
L'italia e' un paese che impiega milioni di dipendenti pubblici, i quali producono soltanto burocrazia. Quando si riducono i dipendenti pubblici e' perche gli si trova impiego nelle innumerevoli societa' di consulenza sempre foraggiate dal governo. In alternativa ci son sempre i call centers e i lavori socialmente utili, grandi rifugi di dipendenti pubblici....in poche parole un esercito di improduttivi.
 

In Spagna , la dura sconfitta dei socialisti alle elezioni amministrative in molti comuni ed enti locali e l’avvicendamento nei relative governi fanno temere ai mercati finanziari che possano emergere altri buchi in bilancio dopo quello scoperto in Catalogna sei mesi fa.
Comunque la pensiate sulle agenzie di rating, e' indubbio che se una nazione emette obbligazioni sul mercato internazionale per sopravvivere, nella speranza che qualcuno le sottoscriva, tutto si basa sull'analisi della suddetta agenzia.  
L'Europa sta sopravvivendo grazie alle economie tedesca e francese, ma il peso di nazioni come la spagna, l'irlanda, il portogallo, la grecia e l'italia, che sanno solo manipolare i propri bilanci per nascondere serie magagne, sta trascinando nel baratro anche queste nazioni volonterose.

Massimiliano Mlekus Cocchi

KELLER WILLIAMS MIAMI BEACH 

Chi ha seguito il mio sito negli ultimi anni ha potuto constatare che le previsioni sull'andamento del mercato immobiliare globale ed in particolare quello statunitense si sono puntualmente verificate. 
La bolla immobiliare, i mutui concessi senza garanzie, la speculazione sulle options di immobili in costruzione o ancora in fase progettuale, il ripossesso da parte delle banche, tutti soggetti trattati nei particolari dal mio sito. Ebbene oggi le previsioni sono  molto piu' serie.
Non per quanto succede negli States, ma per quanto sta succedendo in Europa. I media italiani stanno malamente nascondendo una crisi molto piu' aggressiva della disoccupazione e dell'inflazione.  

Dopo alcuni anni, da quando la Grecia ha ricevuto un sostegno dalla comunita' europea di 110, dico 110 miliardi di euro, la situazione e' solo peggiorata e diverse fonti ufficiali del governo greco hanno sibilato in questi giorni la possibilita' di uscire dalla zona euro e ripristinare la dracma
Non dimentichiamo inoltre che il Belgio e' senza governo da circa un anno!!
Non si puo' sopravvivere  di soli sostegni. 

E' mai possibile quindi che una unione di stati come quella europea possa sostenere a lungo la propria moneta? 
Non vi e' mai venuto il dubbio che la forza dell'euro sia solo il risultato di una politica monetaria astuta guidata dagli gnomi  di Wall Street? Che costringono cosi' le altre nazioni ad acquistare prodotti statunitensi? 
Ecco un piccolo esempio della loro astuzia economica, Non vi siete accorti  che da qualche annno l'italia festeggia Halloween, festivita' tipicamente americana? Son riusciti a riempire i negozi della penisola di prodotti inerenti ad halloween..manufatti  in Cina da grandi consorzi americani che  in pochi anni si sono assicurati un business enorme vendendo all'europa chincaglieria...non ci sara' da stupirsi quando riusciranno a far festeggiare anche la loro festa del ringraziamento...quella in cui milioni di americani cucinano il tacchino. Riusciranno quindi ad esportare milioni di tacchini in europa? Questa e' la vera forza del Dio Dollaro.

Si fa passare in sordina,  in un trafiletto  della pagina economica dei quotidiani, che l'italia e' stata declassata dalla piu' importante agenzia di rating, la Standard & Poor's la quale ha modificato l’Outlook sul debito italiano da Neutrale a Negativo a causa delle “deboli prospettive di crescita e dell’incerto impegno politico nelle riforme tese a migliorare la produttività”.