Gli ospedali sono fattiscienti e con la nuova strategia di ridurre i costi della sanita', vengono a mancare servizi essenziali. Gli scandali della pubblica amministrazione sono all'ordine del giorno, il salasso delle partecipate, delle agenzie di consulenza, degli enti inutili, tutti calderoni dove convogliare gli esuberi della pubblica amministrazione. .

Quando è iniziata la crisi a livello mondiale e quando l'avvio ad un periodo oscuro è stato dato 'proprio dall'America e si è propagato ad effetto valanga anche all'Europa, il semplice cittadino italiano, non competente in materia finanziaria, non avrebbe potuto ipotizzare che gli effetti apocalittici si sarebbero registrati in maniera piu'profonda proprio nel vecchio continente.
Ma la scacchiera internazionale ha dimostrato, ahime', che le pedine vengono mosse ad alto livello senza che "il popolo" possa minimamente influire sui risultaqti gia' decisi e quindi coprirsi le spalle optando per l'una o l'altra forma di investimento.
L'anno che si è da poco concluso ha segnato una svolta significativa nel panorama dell'economia di tutti i Paesi dell'U.E.
Gli "Stati forti "hanno avuto la possibilita" di varare nuove leggi che hanno, difatto, soffocato gli investitori.
A livello ancora piu' preoccupante assistiamo giornalmente a drammi legati all'affossamento delle piccole imprese, dovuto al mancato sostegno da parte delle Banche italiane, che ricevono il dictat dalla Germania di "chiudere i rubinetti" e negare il credito.
In Francia è appena stata applicata una tassa del 15% sul capitale lordo immobiliare, con conseguente danno economico per gli investitori che avevano acquistato immobili in quel Paese.
La Svizzera, addirittura, sta coinvolgendo le Banche europee per tassare capitali investiti negli Istituti di quel Paese.   Uno scenario davvero inquietante.
Nel Medioevo  esisteva il signorotto (padrone dei villaggi e delle vite dei vassalli), che poteva decidere dei loro destini.
Dopo tutti questi secoli le Banche europee decidono i destini dell'Italia (pardon, degli italiani) soffocando le iniziative individuali.
Il cittadino assiste inerme alla catastrofe e non puo'  reagire e difendersi.
Ma, fortunatamente (chissa' ancora per quanto?) c'è sempre la FUGA.
Chi ha risparmiaro denaro e lo vuole legittimamente salvaguardare, oggi come oggi non puo' piu' investire in Italia.           
La crisi immobiliare (conseguenza automatica di questa politica voluta dalle grandi Potenze) ha di fatto cristallizzato il mercato.
Nessuno compra piu', quindi nessun o puo' piu' vendere.
L'introduzione di tasse come l'IMU, la TARES, la TASI distolgono l'aspirante compratore, che non gradisce di venire strozzato con l'applicazione di imposte che sono vere e proprie tagliole.
Ma esiste fortunatamente la possibilita' di investire all'estero.
Abbiamo visto che il altri Paesi europei si tende a distogliere chi pensava di comprare un immobile per ricavarne un utile.
Ma gli Stati Uniti sono ancora un paese dove viene attuata una politica che premia l'investitore e favorisce il movimento del mercato.
 Dopo il triennio negativo (2009/10/11) che ha visto l'apice della crisi immobiliare con conseguenze disastrose per i cittadini, il mercato è adesso in rapida ripresa.
Investire in Paesi come la FLORIDA  (diventata ormai una meta che nell'immaginario collettivo è un nuovo Eldorado),  rappresenta ora una garanzia.
Citta' come MIAMI, dove si è benedetti da un clima straordinario, pari solo alla California meridionale (non per niente Ponce de Leon lo soprannomino' il Paese del Sole) offrono al turista ( e ancora meglio a chi ci vive stabilmente) una qualita' di vita invidiabile.
Avere una casa a MIAMI è ormai un privilegio.
E anche se l'italiano, per forma mentis, è restio a pensare di investire in una meta lontana, occorre invece tenere a mente che i vantaggi del comprare qui sono molteplici.

            

Investire a Miami

Da troppo tempo si ripete il ritornello dell'italia che riprende, dell'uscita dal tunnel, della solidita' delle banche.
La realta' e' che le banche italiane hanno sofferenze per miliardi di euro e proprio recentemente diverse banche hanno fatto sparire i risparmi dei propri clienti che avevano vergognosamente irretito con fondi obbligazionari spazzatura. Gli investimenti esteri avvengono solo quando non vi sono ostruzioni sindacali a dislocare l'attivita' in altri paesi. Le industrie che hanno forti sindacati come quelle dell'acciaio, del carbone, dell'alluminio, non sono appetibili agli investitori stranieri e rimangono quindi fermi con le quattro frecce e con gli operai in cassa integrazione. Il risparmio, quando non viene fagocitato dalle banche, frutta poco piu' dell'1%.


 

               Il delinquente comune, anche se immigrato da poco, viene subito a conoscenza dell'efficiente ordine pubblico americano che interviene immediatamente o del proprietario dell'alloggio che puo' difendere i propri cari e la sua proprieta' senza rischiare di finire in galera come accade nel bel paese. Un alloggio a Miami che venga affittato, rende piu' del 4% netto con una rivalutazione annua dell'immobile intorno al 2%.
Sono ancora disponibili sul mercato alloggi intorno agli 800 piedi quadri, a partire da meno di 200 mila dollari .L'ideale e' affidarsi ad un agente immobiliare italiano, che abbia maturato una lunga esperienza negli Stati Uniti e che vi guidi passo passo a seconda delle vostre esigenze, chiarendovi le normative legali, di immigrazione, di investimenti per stranieri, le precauzioni da prendere nell'acquisto di alloggi in condomini costruiti da parecchi anni, insomma fornire tutte le garanzie che un investitore necessita in un paese straniero.

+ 1 786-223-2270

max@maxmlekus.com


Un investimento a Miami ad esempio, oltre a vantaggi economici offre quello climatico con una temperatura media di oltre 26 gradi. 
I servizi di trasporto pubblico sono a buon mercato quando non sono addirittura gratuiti. 

 L'ordine pubblico e' garantito 24H con interventi immediati e all'avanguardia. Ci si permette di abitare in alloggi privi di inferriate, alti muri di cinta, cani da guardia.

SHORT SALES, BANK OWNED, REPOSSESSIONS, PIGNORAMENTI,
 
 Dopo due anni da quella tempesta immobiliare chiamata Subprime che ha sconvolto il mondo dei mutui, le acque si sono finalmente calmate e si presenta oggi la piu' grande opportunita' di acquisti immobiliari mai vista nella storia americana.
Le banche sono subentrate in quei milioni di alloggi i cui proprietari non riuscivano piu' a sostenere le rate del mutuo.
Risultato : una disponibilita' sul mercato immensa e a prezzi stracciati.
Ovviamente un tale bengodi avra' breve durata in quanto gli speculatori si preparano a dare l'assalto alle liste che sono al momento in preparazione in quasi tutte le banche americane.
Come agire? Affidandosi ad un agente immobiliare che vanti una provata esperienza di vendite immobiliari finanziate e che quindi abbia un accesso privilegiato con i funzionari che gestiranno tali svendite.
Le banche non hanno esperienza nel campo immobiliare per cui il loro interesse primario sara' quello di trasformare velocemente in liquidita' finanziaria cio' che oggi pesa fortemente nei loro bilanci.
Il volume dei pignoramenti ha raggiunto un inventario che in un mercato tradizionale potrebbe smaltirsi nell'arco di trentasei mesi.
Con una richiesta sempre piu' in aumento dall'europa, tale smaltimento potrebbe ridursi a poco piu' di un anno.
Questo significa che un alloggio che qualche anno fa valeva trecentomila dollari e che oggi una banca svende a centocinquantamila, fra tre anni, quando saranno esaurite le liste dei pignoramenti, potrebbe facilmente ritornare al suo valore originale.
La recente manovra finanziaria del Governo Americano che ha approvato 700 miliardi di dollari per risanare il mercato, permettera' ai nuovi acquirenti di ottenere procedure piu' elastiche nel rilascio di nuovi mutui. 
La parola d'ordine quindi e' : "AGIRE IN FRETTA" per beneficiare della piu' ampia scelta di prezzi e condizioni.
Le migliori opportunita' di acquisto nei condomini di Miami si trovano oggi nel vasto mercato dei pignoramenti, dove le banche sono divenute proprietarie degli immobili i cui titolari del relativo mutuo sono divenuti insolvibili. 
Qui di seguito troverete la lista di quanto  disponibile nel mercato dei condomini di Miami a tutto il 2009.
Noterete che sono in ordine di citta', col relativo valore a scalare e la cui disponibilita' puo' cambiare senza preavviso.
In caso di interesse all'acquisto di una o piu' di queste proprieta' pignorate dalle banche, va tenuto presente che i requisiti all'acquisto sono una prova di disponibilita' di fondi negli USA.

Massimiliano Mlekus Cocchi

KELLER WILLIAMS MIAMI BEACH 

La tassazione in generale e' la piu' alta dei paesi occidentali e non vi e' alcun ritorno in servizi da parte del governo. I pendolari devono combattere con servizi di trasporto obsoleti o assenti

Il fenomeno dell'immigrazione fuori controllo fa aumentare la popolazione alla ricerca di alloggi. 
Purtroppo una nuova popolazione senza garanzie ed abituata ad altri stili di vita.Cio' evidentemente scoraggia il risparmiatore ad investire nel mercato immobiliare. Di conseguenza si fermano le imprese di costruzioni che sono costrette a licenziare personale. Si sa bene che l'indotto dell'edilizia dia lavoro a svariati settori, dei cementi, dell'idraulica, dei macchinari, degli impiantisti in generale, elettricisti, piastrellisti, falegnami, architetti, geometri, ingegneri. In pratica si blocca il sistema portante del paese. Restano saldi al proprio  posto i milioni di dipendenti pubblici e loro affini. 

Negli Stati Uniti, l'industria delle costruzioni, pubblica e privata e' sempre attiva con il conseguente beneficio per milioni di operai. 
La ricerca ne trae beneficio e nuove tecniche ed innovazioni permettono di migliorare i piani regolatori cittadini e dei trasporti.

Le promesse fatte dai vari governi per sistemare le falle nella pubblica istruzione non sono mai state mantenute. Edifici scolastici fattiscienti, privi dei servizi essenziali, costruzioni obsolete dove quando va bene cadono solo calcinacci mentre si ricordano con dolore i crolli di solette con vittime tra i ragazzi.Un paese da dove purtroppo viene voglia di fuggire. Se non lo si puo' fare, si puo' almeno cercare di mettere al sicuro i propri risparmi. Il cambio tra l'euro ed il dollaro non e' piu' cosi' forte come qualche anno fa, ma il mercato immobiliare statunitense resta comunque un investimento attraente, In italia e parimenti nel resto dell'europa, affittare un immobile e' una incognita negativa. 
E' sempre piu' difficile trovare un inquilino che abbia un reddito stabile o che comunque possa esser allontanato dall'alloggio qualora diventasse moroso nei confronti del proprietario.  

.